Malformazioni

Chirurgia Ricostruttiva

STEFANO BRUSCHI_MALFORMAZIONI_1.jpg

Malformazioni del labbro e del palato

Il labbro leporino o labio-schisi (o cheilo-schisi) è una malformazione congenita dovuta a interferenze nello sviluppo embrionale delle componenti del volto. Quando è coinvolto anche l’alveolo dentale si chiama cheilognato-schisi, quando coinvolge anche il palato si chiama cheilognatopalato-schisi. Durante lo sviluppo non si saldano i processi che formano il labbro e e/o parte del palato (schisi). Spesso queste malformazioni richiedono un precoce (uno-due mesi dalla nascita) approccio chirurgico per ripristinare sia l’aspetto morfologico, sia la funzione del labbro e del palato per la suzione (per via della comunicazione che può esserci tra la cavità nasale e quella buccale). Necessitano poi revisioni chirurgiche negli anni successivi (talvolta anche nell’età adulta) per colmare deficit residui e riparare le stigmate classiche del labbro e in particolare del naso:

 

- labbro tendenzialmente poco voluminoso e spesso;

- cicatrici retraenti, mancanza di definizione del filtro labiale, e dell’arco di cupido;

- caratteristica punta cadente del naso, con asimmetria delle narici, naso allargato, angolo naso-labiale retto.

Malformazioni uro-genitali

L’ipospadia è una malformazione congenita del sesso maschile, risultante da un’interferenza nel normale processo di sviluppo dell’uretra, il cui sbocco (meato) non è localizzato all’apice del glande, ma sulla superficie ventrale del pene. In relazione al momento in cui si è verificato l’arresto di sviluppo, il meato anormale può trovarsi collocato in qualsiasi punto, dal perineo al glande.

Grazie alla chirurgia ricostruttiva, anche questa malformazione può essere normalizzata, ristabilendo il benessere fisico e psicologico del paziente.

STEFANO BRUSCHI_MALFORMAZIONI_2.jpg

Gli interventi

1/2

L'intervento giusto per te

Per ottenere un risultato ottimale è fondamentale l’approccio del Chirurgo con il paziente.

Per questo il Prof. Stefano Bruschi ritiene indispensabile un colloquio preliminare chiarificatore nell’interesse del paziente stesso, per comprendere meglio le sue esigenze ed informarlo sul risultato che è possibile ottenere. In questo modo è possibile scegliere le tecniche più idonee per ogni caso specifico.

Il Prof. Bruschi e il suo staff ricevono su appuntamento

a Torino nella Clinica Santa Caterina da Siena.